La Valle d’Aosta è tutta da scoprire!

La Valle d’Aosta, come dice il nome è una valle dove, ai piedi delle montagne più alte del mondo, si incontrano natura, cultura, sport e benessere. Vediamo insieme quali sono le peculiarità di questa regione.

Tra le curiosità che contraddistinguono la Valle d’Aosta vi è l’origine del suo nome. Pur così piccola ( la Valle d’Aosta infatti è la regione più piccola d’Italia), vanta una storia molto antica che risale al dominio di Cesare Augusto su tutta l’Italia, lo stesso durante il quale i romani consideravano di ampliare le loro conquiste nella regione settentrionale e nella Gallia. le popolazioni della zona dell’attuale Valle d’Aosta

Un’altra curiosità è il collegamento diretto con la Francia. Il Monte Bianco infatti, è un passaggio diretto con la Francia alla quali siamo “legati” nella parte più settentrionale del paese. Il traforo del Monte Bianco è stato realizzato da ingegneri architetti di entrambi paesi, italiani e francesi, per favorire il trasporto delle merci, ma soprattutto delle persone in vista di un’unica comunità europea all’interno dei quali cittadini non fossero nazionali ma comunitari. Il francese, peraltro, è la seconda lingua ufficiale della regione della Valle d’Aosta e proprio per questo motivo sin dalla tenera età nelle scuole sono insegnate entrambe le lingue (italiano e francese).

A proposito del Monte Bianco (4.809 m di altitudine), la sua vicinanza con la Francia lo ha reso la cima più contesa d’Europa. Tutt’oggi non è facile individuare la sua corretta posizione dal punto di vista morfo-geografico. A tal fine, nel 2011 l’eurodeputato italiano Riccardi ha proposto in commissione europea un’idea per risolvere la questione della territorialità della cima, considerando la stessa come “un territorio appartenente a tutta Europa”. In realtà in questo modo voleva portare l’attenzione anche sulla presenza di altri territori contesi all’interno della stessa comunità europea.

Tra i costumi e le leggende della regione troviamo:

  • La leggenda dell’anno 1158 a.C.: la leggenda narra che nell’anno 1158 a.C. venne fondata la città di Cordelia da Cordelo, che era uno dei compagni di spedizione di Ercole, nonché discendente di Saturno in persona. Su questa città i romani costruirono poi Aosta;
  • La fonduta valdostana: è una delle ricette tipiche della cucina valdostana (sebbene di origine Svizzera). Consiste in formaggio fuso in una pentola apposita (il caquelon) e mangiato caldo con un bocconcino di pane o carne;
  • l fiolet: In Val d’Aosta sono praticati molti sport “particolari” uno dei quali è il fiolet, in cui l’obiettivo è mandare il più lontano possibile una pallina ovoidale. Per farlo bisogna colpirla 2 volte: una per farla balzare in aria e la seconda, al volo, per mandarla il più lontano possibile.
  • Il Dahu: è un animale mitico caratterizzato dal fatto di avere le due zampe di un lato più corte. Questa sua particolarità gli permetterebbe di muoversi meglio sui pendii di montagna! Piccolo problema: questa loro caratteristica gli impone di girare attorno alla montagna sempre in un unico verso, altrimenti le zampe più corte non avrebbero una base di appoggio.

Se volete, addentratevi alla scoperta di questa meravigliosa regione Toscana Turismo ha quello che fa per voi! dai un’occhiata al nostro programma di 6 giorni: VALLE D’AOSTA – I GIGANTI DELLE ALPI E LE ROCCHE INESPUGNABILI.

Se sei interessato ad avere maggiori notizie contattaci!

©2022 Toscana Turismo  P.IVA 04716270485